13-26 aprile 2024

Enrico Urzì
Una fiaba ossessiva

Inaugurazione sabato 13 aprile alle ore 18

Un artista dipinge per vocazione, è un luogo comune. Con questo si vuol dire che un
pittore “non sceglie” la sua professione, ma gli viene imposta dalla natura. Così come
succede al bambino: il disegno per lui è un naturale modo di esprimersi. Non è una
risposta a una esortazione dei genitori.
Con il disegno il bambino si racconta il mondo, le cose che vede e come le giudica. Né più
né meno del pittore dilettante o professionista che sia.
Nel mio caso, tutto si è svolto nella più assoluta semplicità, nel senso che la fiaba che
disegnavo da bambino continuo a raccontarmela ancora oggi.
Solo che sottoponendoci la vita a tante esperienze dolorose, la fiaba diventa sempre più
un racconto drammatico e, per quanto mi riguarda “ossessivo”. Non ho dunque iniziato la
mia storia di pittore per scelta, ma per una oscura, inesprimibile necessità.
La mia attività di pittore può essere definita dunque un discorso rivolto verso l’interno e
non l’esterno. È un discorso che trae alimento da ciò che vedo quasi con indifferenza ogni
giorno, ma attraverso il sogno e la memoria.
Giuseppe Zigaina
Autobiografia per la tesi di laurea di Enrico Urzì

ENRICO URZÌ è nato a Trieste nel 1966, ove vive e dipinge. Ha studiato arte del disegno,
del restauro e della pittura presso lo studio dello zio Domenico Torresi e con gli artisti
triestini Cianciolo e Sormani.
Ha allestito più di 50 mostre in regione e in Italia, collaborando come artista dal 1990 al
1998 con la galleria Infurnari di Pordenone.
Selezionato più volte all’esposizione Nazionale Arte di Firenze (mostra mercato) e alle
fiere d’arte di Trieste (Fine Art 1996 e 1997), Pordenone e Padova.
Sue opere si trovano in collezioni private a Milano, Roma, Venezia, Siracusa, Capo
d’Orlando, Udine, Piano d’Arta e presso amministrazioni ed enti: Ferrovie dello Stato di
Trieste, Terme di Arta e presenti in formato digitale su piattaforme e gallerie d’Arte online.
Nel 2006 presso il Circolo Aziendale Generali di Trieste (palazzo Aedes) presentazione
sincrona del Volume di poesie “Pennelli e Parole” (Prefazione della giornalista e scrittrice
Cristina Bonadei, prolusione del prof. Don Pietro Zovatto) e Mostra personale di pittura
(Prolusione del critico d’arte prof. Sergio Molesi).
Attualmente partecipa al gruppo d’arte “Rivel’Art-Artisti Triestini”, con esposizioni collettive,
ex tempore e action painting. In particolare ha partecipato alle splendide esposizioni
collettive presso Palazzo Vivante (Con il Natale nel cuore), al Magazzino 26 (Espressioni a
Confronto), MushrooM e alla galleria Rettori Tribbio 2 di Trieste.
Personali nel 2017 presso il locale MushrooM di Trieste e nel 2022 presso la galleria d’arte
Hermetika di Trieste.

30 marzo – 12 aprile 2024

34a mostra del piccolo formato
Pittura Scultura Grafica

Inaugurazione sabato 30 marzo 2024 alle ore 18
con la presentazione di Gabriella Dipietro e la  partecipazione di 200 artisti.

Espongono:
Marianna Accerboni, Natale Addamiano, Ciro Agnetti, AKIS (Ingrid Kuris), Tristano Alberti, Livia Alfiero, Sergio Altieri, Alan Amini, Pietro Annigoni, Guido Antoni, Ileana Aprile, Giovanni Bacchetti, Mario Beltrame, Maria Grazia Bernardi, Daniela Bertoch, Marinella Bertoch, Paolo Bettio, Darko Bevilacqua, Leandro Bigontina, Giovanni Blandino, Hansi Boekee, Ottavio Bomben, Claudio Bonanni, Paolo Bonifacio, Gianni Borta, Diana Bosnjak, Ginevra Braut, Susanna Bresich, Aldo Bressanutti, Anton Brioschi, Nevia Brosich, Gianni Brumatti, Ondina Brunetti, Fulvio Caiulo, Pino Callea, Ugo Carà, Redi Casarsa, Marino Cassetti, Giancarlo Cazzaniga, Giovanni Centazzo, Carolus Cergoly, Mariano Cerne, Odilia Egle Ciacchi, Shirin Colla, Walter Colomban, Ambra Colombani, Fabio Colussi, Romano Conversano, John Corbidge, Giovanna Correnti, Vittorio Cossutta, Tullio Crali, Giovanni Craglietto, Maria Creglia, Ossi Czinner, Salvador Dalì, Frà Ignazio Damini, Romeo Daneo, Francesca Danese, Loran G. Dantes, Bruna Daus, Giancarlo De Alti, Rovena de Ferra, Manuela De Stefani, Giusy Depase, Oreste Dequel, Eligio Dercar, Edoardo Devetta, Paula Christina Dew, Franca Di Lullo, Gabriella Dipietro, Mariuccia Diviacco, Gian Carlo Domeneghetti, Sabino Donda, Fulvio Dot, Liubov Drozd, Giovanni Duiz, Adriano Fabiani, Tullio Fantuzzi (ARTU), Massimo Ferluga, Leonor Fini, Federica Finotto, Nadia Finzi, Luigi Forgini, Erna Fossati, Flavia Fragiacomo, Felicita Frai, Gabriella Frandoli, Carolina Franza, Annamaria Frisone, Carlo Fritsch, Alfredo Furlani, Giuseppe Gambino, Bruno Gambone, Daniela Gangi, Rossella Ghigliotti, Flavio Girolomini, Mario Girolomini, Michela Grassi, Patrizia Grubissa, Laura Grusovin, Michelangelo Guacci, Renato Guttuso, Paolina Hirschmann, Marialuisa Isolani, Claudio Iurin, Ondina Jaconsig, Katerina Kalc, Jasmine Kandus, Lera Kasyanova, Marco Kralj, Irina Lazar, Ligabue, Michele Loberto, Tiziano Lombardini, Antonietta Lombardo, Elena Lyashenko, Giuseppe Malison, Lory Mandricardo, Barbara Mapelli, Tranquillo Marangoni, Salvatore Marchese, Gianna Marini, Claudio Martincic, Marcello Mascherini, Cristina Meotto, Roberto Micol, Patrizia Mikol,  Fulvio Monai, Rosanna Monaro, Nadja Moncheri, Tullio Moro, Chiara Moso, Livio Mozina, Augusto Murer, Marco Novak, Marinella Nurchis, Carlo Pacifico, Claudio Palcich, Grazia Palcich, Eugenio Pancrazi, Maria Pancrazi, Fabrizio Paoli, Novella Parigini, Paolo Pascutto, Alessandra Pecman Bertok, Francesca Pegorer, Novella Perich, Nino Perizi, Tiziano Perizi, Osvaldo Peruzzi, Paolo Pestelli, Carol Petelin, Dario Pisani, Fred Pittino, Diego Polli, Bruno Ponte, Alice Psacaropulo, Sergio Quagliotti, Pino Rasile, Ireneo Ravalico, Claudia Raza, Loredana Riavini, Federico Righi, Annamaria Rizzica, Livio Rosignano, Alessandra Rossi, Franco Rosso, Fabio Rumer, Giorgio Rutter, Marina Rutteri, Amelia Esther Saldana, Gioiana Salvaneschi, Monica Sartori, Marco Scabar, Alberto Schettino, Barbara Seculin, Giuseppe Senigaglia, Ornella Sergi, Paolo Sirotti, Miriam Slavec, Marino Sormani, Luigi Spacal, Nino Spagnoli, Nicola Sponza, Adilea Stagni, Marijana Stevic, Guglielmo Stracca, Alberto Strambaci, Dyalma Stultus, Giuliana Stuparich (Esmy), Giuliana Susterini, Desiderio Svara, Max Tex, Rossella Titz, Benito Tomezzoli, Riccardo Tosti, Enrico Urzì, Nadia Vendrame, Anna Vidmar, Pierpaolo Vouk, Lodovico Zabotto, Pedra Zandegiacomo, Bruna Zazinovich, Zhou Zhiwei, Elisabetta Ziani, Serena Zors, Angelo Zorzet, Luigi Zorzetto.

16-29 marzo 2024

Dentro la natura selvaggia di Gianni Borta

Inaugurazione sabato 16 marzo alle ore 18

Gianni Borta è nato a Udine, ha cominciato ad esporre nel 1961 ispirandosi al neorealismo del mondo contadino friulano. Oggi è uno dei più significativi artisti italiani con 900 mostre e 192 personali tenute nelle maggiori città italiane e all’estero, con 250 affermazioni tra premi nazionale ed internazionali, in oltre 60 anni di pittura. E’ considerato un protagonista di quella che è ormai conosciuta come arte naturalistica, per un dipingere straordinario e unico. E’ presente nelle più importanti rassegne artistiche: Biennali, Quadriennale nazionale di Roma, Biennale internazionale di grafica di Lubiana, tutte le Fiere d’arte tra cui Artexpo di New York e Kunstemesse di Basilea, Arte Fiera di Bologna, Fiera di Wash-Art Fair Washington (USA), Europ’Art Genève,Tuyap Istanbul, Art Fair, Wien 96, Kunst aus Italien a Munchen. Art Cannes, Art-Philadelphia, Triennal Krakow Poland. In campo internazionale mostre in Francia Austria, Germania, Slovenia, Croazia, Svizzera, Australia, Belgio, Venezuela, Argentina, Emirati arabi, Olanda, Ungheria, Repubblica Ceca, Turchia, Spagna, Ucraina, Cina, Russia, Svezia, Stati Uniti e Finlandia. Le sue opere sono state proposte in permanenza alla Art Gallery di San Pietroburgo, alla Galerie Ruf di Monaco, alla Galerie Breheret di Parigi, all’ Original Prints Collectors di New York, alla Galerie Mirò di Praga, alla Foster Oversea Original Arts Museum di Shanghai e al Dan Huang Art Museum di Pechino, tanto per citarne alcuni. Numerose le opere d’arte realizzate in edifici pubblici: mosaici in scuole, ospedali, impianti sportivi e giudiziari, in case circondariali e monumenti. Numerose presenze in laboratori di ricerca internazionali e relatore in convegni culturali. Notevole attività anche come incisore, grafico, illustratore di libri, manifesti e riviste. Dedicate alla sua opera numerose trasmissioni radiotelevisive. Alle mostre ha alternato una lunga serie di viaggi, documentati in una serie di pubblicazioni. Dall’Egitto alla Cina, dal’India alla Giordania, dal Sudafrica alla Birmania (oggi Myanmar), in Thailandia e a Singapore, dal Marocco al Vietnam e in Brasile, per continuare sulle orme del West nell’ America dei canyon in California. E’ docente presso l’Accademia Belle Arti Tiepolo di Udine per i corsi di pittura contemporanea, che alterna con mostre importanti come la presenza alla Saaci Gallery di Londra nella rassegna internazionale I-Made. La sua attività è documentata presso l’Archivio storico della Biennale di Venezia e presso l’Archivio per l’arte italiana del novecento a Firenze “Kunshinstoriches Institut in Florenz. le sue quotazioni si trovano su Artprice, leader mondiale dell’informazione artistica. Per la sua intensa attività artistica e i temi trattati comincia ad essere visto come un caposcuola.